Sputacchina

La Sputacchina è un insetto polifago che appartiene alla famiglia degli Omenotteri. Si tratta di un insetto dannoso ad alcuni tipi di colture.

Esteticamente sembrerebbe una specie di falena, con corpo oblungo di circa 5 millimetri, e dal colore bruno chiaro.

Vi è una vera e propria lotta contro questo insetto, in quanto si nutre della linfa di diverse piante, a volte rovinandole. Succhiando la linfa, infatti, questo insetto rovina le foglie rendendole più opache o lasciandovi delle macchie, o rovinandone i frutti.

La vera pericolosità di questo insetto, però, è che la sputacchina è portatrice del batterio Xylella, che causa danni anche gravi alla pianta.

Il suo vero nome è Philaenus spumarius. Il nome di sputacchina le è stato dato a causa del bozzolo che crea per le sue larve, che ricorda una specie di schiuma.

Il ciclo biologico della Philaenus spumarius

Le forme giovanili di questo insetto compaiono tra febbraio e marzo quando si schiudono le uova che le femmine adulte hanno deposto nella corteccia degli alberi alla fine dell’estate.

Le neanidi cominciano a colonizzare le piante erbacee, dove continuano le loro fasi di vita. La famosa schiumetta viene rilasciata dalle larve dopo aver bevuto la linfa delle piante. In questa schiuma le larve trovano rifugio dove poter evolvere nello stadio successivo.

Gli adulti cominciano a comparire soltanto in estate, ed il ciclo comincia da capo.

Combattere la sputacchina: il batterio Xylella

La Xylella è una malattia batterica che colpisce le piante, e che le conduce lentamente alla morte.

Il batterio ostruisce i vasi linfatici della pianta, con la formazione di un gel carico di batteri. Con i vasi linfatici ostruiti, alla pianta risulta impossibile assorbire acqua andando quindi incontro alla morte per disidratazione.

Purtroppo non vi sono cure per distruggere questo batterio, in quanto non vi è modo di identificare i sintomi in tempo.

L’unica soluzione possibile è la prevenzione, evitando infestazioni da parte della Sputtacchina.

Come evitare le infestazioni di sputacchina

La Philaenus spumarius si nasconde durante le fasi giovanili nelle piante arboree e nelle erbe infestanti. Pertanto, uno dei metodi di prevenzione è quello di eliminare le erbacce lavorando il terreno ed eliminandole nell’immediato nel caso riescano a crescere. Inoltre, potando cespugli folti e piante arboree è possibile ridurre la popolazione di sputacchina.

Infine, per evitare il propagarsi di questo parassita, è possibile lavare la schiuma rilasciata dalla sputacchina con una pistola a getto d’acqua, oppure asportare la parte infetta.