Fare il giro del globo è un’esperienza che tutti desiderano fare, ma pochi veramente riescono a realizzare. Non essendo all’interno dei romanzi di Jules Verne, può venire spontaneo chiedersi perché dovremmo decidere di fare una cosa del genere. Il viaggio altro non è che un modo, come un altro, di definire un processo di crescita e di cambiamento di vita. Un vero e proprio vagabonding. Qualche folle potrebbe tranquillamente intraprenderlo nel giro di poche settimane e, gli aerei e la tecnologia moderna lo rendono effettivamente realizzabile. Nonostante ciò, essere affrettati in questa scelta non è molto ragionevole, perché vivere il globo significa concedersi un viaggio lungo e lento, spesso via terra e in solitaria.

Le modalità

Per concretizzare il tutto, basta pensare ai tour operator. Se su Google ti trovi diverse proposte, devi assolutamente fare una cernita perché troverai proposte a partire da 2.000 euro. Però il tutto fa cadere la magia, no? Un prezzo standard rende tutto estremamente stabilito e standardizzato. Non proprio l’avventura che si vorrebbe avere. Parallelamente esiste anche il modo via mare, ovvero il giro del mondo in crociera per ben 12.000 euro, che garantisce 116 giorni sulla nave. La modalità però forse più famosa per affrontare il giro del mondo, è quella che unisce un itinerario fisso con la libertà di programmare veramente poche cose: il RTW ticket è un biglietto aereo pensato per il giro del mondo. La sua convenienza economica è parecchio discutibile, però è sicuramente una modalità sicura e pensata per godere di questa tipologia di viaggio senza rinunciare a possibili libertà.

Una questione economica?

Il tema economico è senza dubbio quello più importante da affrontare. A meno che tu non provenga da una famiglia ricca, dovrei risparmiare per parecchio tempo prima di poterti permettere questa tipologia di viaggio. La cifra che si può progettare perché tutto dipende dalle soste che si decide di fare. Bisogna dunque conoscere i giusti trucchi e strumenti, come i voli low cost. Moltissimi avventurieri riescono a vivere in viaggio con 10 euro al giorno per vitto e alloggio, ma per gli spostamenti i prezzi lievitano notevolmente. Fortunatamente è possibile lavorare durante il proprio viaggio, utilizzando i siti di work-exchange come worldpackers. Anche se non si guadagnerà molto, si potrà comunque risparmiare qualcosa di significativi. Il nomadismo digitale è apprezzato da tutti i viaggiatori, proprio perché può essere svolto online o da remoto.

Ad occuparsi della bellissima esperienza del viaggio giro del mondo è stato Massimiliano Loyola, autore di un libro il cui contenuto può essere realizzato dall’agenzia di Travel Design.