Avere un conto corrente è fondamentale per la vita quotidiana e pertanto è essenziale sapere quali sono i migliori istituti di credito migliori nel nostro Paese. Una buona banca deve essere affidabile e allo stesso tempo trasparente nei confronti dei suoi clienti. Scegliere la giusta banca, quindi, è importante perché qui sono conservati tutti i nostri risparmi di una vita e i soldi che provengono dallo stipendio.

Se stai pensando di aprire un conto corrente, è importante affidarsi ad una banca con una forte solidità, che possa difficilmente andare in bancarotta. In questo caso, infatti, potrebbe avvenire un prelievo forzato dai conti bancari degli stessi clienti della banca. Ecco quindi il rating delle migliori banche d’Italia.

1. Banca Mediolarum

Questa è una delle banche con più esperienza, che è stata fondata nel 1991 e ha l’indice di solidità più alto in Italia. Mediolarum offre ai suoi clienti un conto flessibile, adatto a tutti, e per il primo anno sia il conto che la carta di credito sono a canone zero. Allo stesso tempo è una banca molto affidabile: il suo indice Cet 1 (Common Equity Tier), che misura il grado di solidità di un istituto bancario, è del 19,66%, il quale è tra i più elevati non solo al livello nazionale, ma anche europeo.

In realtà, la banca mette a disposizione svariati conti, diversi tra di loro in base alle esigenze del cliente. Per esempio, per coloro che hanno meno di 27 anni esiste il Conto Young, mentre per i liberi professionisti c’è un conto a parte anche per loro. Ma il vero punto di forza di Mediolarum è la sua sicurezza. Il Fondo Interbancario di Garanzia, del quale la banca, insieme ad altre, ne fa parte, è ciò che protegge i tuoi soldi in caso di fallimento: se la banca andasse in bal-in, il fondo riuscirebbe a risarcire tutti i conti correnti al di sotto dei 100.000€.

2. Intesa San Paolo

Con una capitalizzazione di 34,9 miliardi di euro, questo è uno dei gruppi bancari più importanti in Italia e in Europa. È anche uno dei sostenitori dell’economia del nostro Paese ed è una delle banche con più sostenibilità, anche in termini di responsabilità sociale e culturale. Grazie alle sue 4.200 filiali, situate su tutto il territorio italiano, è una delle banche leader in tutti i settori: retail, corporate e wealth management, ecc.

Anche questa, come la banca precedente, fa parte del fondo per la salvaguardia dei conti correnti dei propri clienti e ha un rating di affidabilità leggermente inferiore (12,80%). Oltre ad essere tra le più affidabili, Intesa San Paolo rientra anche nel gruppo delle 5 banche a non effettuare il credit crunch. Questo vuole dire che nei momenti di crisi finanziaria, la banca risulta essere una delle più sicure in tema di prestiti: come si può vedere dai registri, infatti, la banca è stata l’unica, insieme a poche altre, a non diminuire la concessione di prestiti durante la crisi che ci fu dal 2013 al 2017, anzi ha addirittura aumentato il numero di prestiti da 340 miliardi a 410 miliardi.

3. UniCredit

È una delle più giovani in Italia e rappresenta un punto di riferimento sia per le famiglie che per i privati. Grazie alla sua forte presenza anche in ambiti internazionali, è una banca caratterizzata dal dinamismo e dall’affidabilità. Questo è sicuramente uno degli istituti bancari di cui ti puoi maggiormente fidare, in quanto è un banca commerciale paneuropea, che adotta un modello di sviluppo semplice e di successo, pronto a fornire ogni tipo di soluzione per i propri clienti e in grado di soddisfare ogni loro bisogno.

Ha un Cet 1 del 11% e un Total Capital Ratio, ovvero il rapporto che indica la soglia di capital guidance, del 14,5%. Infine i tuoi soldi e i tuoi dati saranno al sicuro, grazie al sistema di protezione completo fornito dalla banca sia per l’Internet che per il Mobile Banking.