Il permesso di soggiorno per motivi di studio viene rilasciato agli studenti stranieri che abbiamo ottenuto un apposito visto di ingresso per studio. Lo studente dovrà richiedere il permesso di soggiorno per motivi di studio o formazione entro l’ottavo giorno dall’ingresso in Italia. La richiesta deve essere fatta tramite la compilazione e l’invio, alla Questura territorialmente competente, del kit postale reperibile presso gli uffici postali abilitati e nei Patronati.

I documenti necessari per la pratica di rilascio del permesso di soggiorno per studio sono i seguenti:

  • il passaporto originale, le copie delle pagine contenenti i dati anagrafici, il visto e il timbro di ingresso e le copie di eventuali altre pagine con visti e timbri di ingresso e uscita;
  • la copia dell’ iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale ( SSN) italiano o dell’ assicurazione sanitaria;
  • la copia di un documento attestante le risorse economiche necessarie alla permanenza in Italia. Puoi consegnare i documenti usati per la richiesta di visto o un estratto del conto corrente bancario/postale o una lettera ufficiale che confermi l’assegnazione, l’ammontare, la durata di una borsa di studio;
  • i documenti per dimostrare la disponibilità di un alloggio in Italia;
  • la copia della Domanda di preiscrizione presso l’Ambasciata d’Italia (Modulo A),
  • una marca da bollo da €

Lo studente in possesso del permesso di soggiorno per motivi di studio può svolgere attività lavorativa part-time massimo 20 ore settimanali con un limite annuale di 1.040 ore. La disciplina di riferimento (DPR n. 394/1999), infatti, consente agli studenti stranieri di lavorare per mantenersi durante il percorso di studi, ma entro i limiti previsti. Questo perché l’attività lavorativa non può prevalere su quella didattica e formativa, che tra l’altro è la ragione dell’ingresso e della permanenza nel Paese.

Rinnovo e conversione del permesso da studio a lavoro

Il permesso di soggiorno per motivi di studio può essere rinnovato solo se il visto d’ingresso è stato rilasciato per la frequenza di un corso di studio pluriennale e non può essere in ogni caso rinnovato per più di tre anni oltre la durata del corso di studi pluriennale.
Per quanto riguarda la conversione, è possibile convertire il permesso di soggiorno per motivi di studio o di formazione professionale in permesso di soggiorno per motivi di lavoro.
Tuttavia, la conversione è possibile solo se lo studente straniero abbia conseguito uno dei seguenti titoli:

  • laurea triennale;
  • laurea specialistica biennale;
  • laurea magistrale;
  • diploma di specializzazione di durata minima pari a due anni;
  • dottorato di ricerca universitaria di durata minima pari a tre anni;
  • master universitario di I o di II livello;
  • attestato o diploma di perfezionamento post laurea della durata di un anno;

In questi casi, la conversione del permesso di soggiorno avviene al di fuori delle quote previste dal decreto flussi.

Se invece lo straniero non abbia conseguito alcun titolo, la conversione sarò possibile solo nell’ambito delle quote annuali fissate dal decreto flussi.