La banconota da 15 euro potrebbe essere presto coniata? Si tratta di una bufala oppure di una possibile realtà concreta? Sono in molti a porsi questa domanda nel periodo odierno. La notizia ha fatto il giro del web dal 2015, attraendo verso di sé polemiche e consensi. Cerchiamo di analizzare i fatti all’interno dei prossimi paragrafi.

Banconota da 15 euro: coniazione o bufala?

Dal 2013 le diverse ipotesi in merito alla coniazione delle banconote da 15 euro si sono susseguite sui vari notiziari online. All’interno delle ipotesi è apparsa più volte l’immagine del volto della cancelliera tedesca Angela Merkel, in una versione del tutto simile a quella del denaro originale. Fonti non attendibili hanno parlato di una messa in circolazione della banconota da 15 euro a partire dal 13 gennaio 2014.

La banconota da 15 euro con l’immagine stampata del volto della cancelliera Angela Merkel si tratta ovviamente di una bufala. Alla base delle caratteristiche della possibile coniazione della banconota si trova l’anti-falsificazione della stessa, ricoperta inoltre da uno strato protettivo. Oltre alla versione da 15 euro altre fonti hanno parlato della possibile coniazione delle banconote da 30 euro.

La notizia, seppur fasulla, ha fatto velocemente il giro del web e continua ad essere una delle news più ricercate di sempre anche ai giorni nostri. All’interno delle varie istituzioni europee non si è mai trovata traccia di possibili conferme a carico della coniazione dei 15 euro. Il fenomeno delle fake news, come questa, rappresenta un punto dolente all’interno della miriade di notizie circolanti sul mondo di internet.

Nell’eventualità di una possibile nuova coniazione delle banconote Euro saranno le testate giornalistiche più accreditate a rilasciare per prime la notizia. La cancelliera tedesca, apparse nella versione fake delle banconote da 15 euro, ha rappresentato uno dei volti più rinomati all’interno dell’economia tedesca, ma si discosta dalle possibili realtà di coniazione.

Le banconote in euro sono state immesse sul mercato dal 1 gennaio 2002, in Italia in sostituzione delle vecchie e chiacchierate lire. A seconda dei vari paesi europei le banconote e le monete si caratterizzano in varie rappresentazioni, sulla base del rispetto delle direttive della Banca centrale europea. Ogni taglio presenta di conseguenza colori e dimensioni complessive differenti, ma anche temi specifici come l’architettura nella versione italiana.

Nuove possibili coniazioni rimangono per tanto un argomento della Banca centrale europea incaricata della loro emissione, secondo l’articolo 128 del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea a regolamentazione dell’immissione dell’Euro all’interno dell’Unione Europea. La coniazione della banconota da 15 euro rimane per il momento una bufala.