Quali sono le frasi d’amore più belle da inviare alla persona amata in dialetto napoletano? Uno dei dialetti più famosi d’Italia è proprio quello napoletano, caratterizzato da un linguaggio particolarmente colorito, vivace e allo stesso tempo profondo e denso di significato. Tra le frasi d’amore più celebri del dialetto napoletano si trovano soprattutto i testi delle canzoni neomelodiche. Andiamo a scoprire quali sono le frasi più significative ispirate all’amore in dialetto napoletano.

Frasi d’amore in dialetto napoletano e relativa traduzione

“Si trasuta int’ò core mio”. (Sei entrata nel mio cuore)

“Tu si ‘o primmo ammore mii”. (Sei il mio primo amore)

“O core mio squacquarea per te”. (Il mio cuore batte forte per te)

“Tu ‘pe mme si tutte e cose”. (Tu per me sei tutto)

”Tu sì l’azzurro do mare sì duci e sì amar”. (Tu sei l’azzurro del mare, sei dolce e sei amara)

“N’ammore si ovvero ti pigghia ò core e ti trasi innt’ e vene”. (L’amore vero ti prende il cuore e ti entra nelle vene)

“Che c’aggia fà si te voglie bene chiù da vita mia?” ( Cosa posso farci se ti voglio bene più della mia vita? )

“So tropp ‘nnamurat e te e mo comm’aggia fà?” (Sono troppo innamorato di te e adesso come faccio?)

“Ammore perduto m’ha ditto stu core, ca tard ha saputo tu ch’ire pe’ mmé” (Amore perduto mi ha detto questo cuore, che ha capito tardi tu cosa significavi per me. Da Ammore perduto di Totò)

“Si putesse parlà stu core, quanta cose vulesse dì, ma chiagnenno pe’ lu dulore, io m’ ‘o scippo, pe’ n’ ‘o sentì!” (Se questo cuore potesse parlare, quante cose vorrebbe dire, ma piangendo per il dolore, io lo strappo per non sentirlo! Da ‘A retirata di Salvatore Di Giacomo)

“Nun ghì vicino ‘e llastre pe’ fa ‘a spia, pecché nun può’ sbaglià ‘sta voce è ‘a mia, è ‘a stessa voce ‘e quanno tutt’ ‘e duje, scurnuse, nce parlàvamo cu ‘o vvuje” (Non accostarti alla finestra per sbirciare, perché non puoi sbagliare, quella che senti è la mia voce, la stessa di quando timidi inizialmente ci davamo del “voi”. Da Voce ‘e notte di Edoardo Nicolardi)

“Femmena, si ddoce comme ‘o zucchero, però sta faccia d’angelo te serve pe’ ‘ngannà. Femmena, tu sì ‘a cchiù bella femmena, te voglio bene e t’odio, nun te pozzo scurdà” (Donna, sei dolce come lo zucchero, però questo viso d’angelo ti occorre ad ingannare. Donna, sei la più bella donna, ti voglio bene e t’odio, non posso dimenticarti. Da Malafemmena di Totò)

“Cchiù luntana me staie, cchiù vicina te sento, chi sa a chisto mumento tu a che pienze, che ffaie. Tu m’ e’ miso ‘int’ ‘e vvene nu veleno ch’è ddoce, nun me pesa sta croce ca trascino pe’ te” (Più mi sei lontana, più ti sento vicina, chissà ora cosa pensi, che fai. Tu mi hai messo nelle vene un dolce veleno, non mi pesa questa croce che trascino per te. Da Passione di Libero Bovio)