Vitalizi, Boeri: “Tagliarli non è simbolico, si risparmierebbero 150 milioni all’anno”!

Vitalizi, Boeri: “Tagliarli non è simbolico, si risparmierebbero 150 milioni all’anno”!

image





Il presidente dell'Inps ospite di Lucia Annunziata a In mezz'ora in più sottolinea la necessità di un ricalcolo contributivo. Poi le critiche alla precedente Camera: "Scandaloso che non ci abbia fornito i dati sui contributi versati dai singoli parlamentari".




vitalizi non sono una battaglia “solo simbolica“, anzi si parla di “risparmi importanti, nell’ordine dei 150 milioni l’anno“. Ed è “scandaloso” che la Camera della vecchia legislatura “non ci abbia fornito i dati sui contributi versati dai singoli parlamentari”. È lo sfogo di Tito Boeri, presidente dell’Inps, ospite di Lucia Annunziata a In mezz’ora in più su Rai 3. Per questo ha scritto una lettera all’attuale presidente della Camera Roberto Fico che però non ha ancora ricevuto risposta. Boeri ha parlato anche della riforma Fornero – “abolirla aumenterebbe il debito pensionistico di 85 miliardi” – e del redditto di cittadinanzache invece a suo parere ne costa “fino a 38, se vogliamo essere più ottimisti 35”.


Con un ricalcolo contributivo dei vitalizi che i parlamentari italiani si sono dati, “ci sarebbero stati risparmi importanti, non solo simbolici, nell’ordine dei 150 milioni di euro l’anno”, ha detto Boeri. Il presidente dell’Inps aveva segnalato alla scorsa legislatura anche un altro problema. L’anomalia in base alla quale dopo l’elezione i parlamentari possono farsi ancora riconoscere i contributi figurativi della precedente occupazione, dunque mentre maturano il vitalizio maturano anche i contributi del vecchio lavoro e questo grava sulle casse dell’Inps. “Un privilegio” segnalato, ma con un esito che lui stesso ha definito “scandaloso“: i dati sui contributi sono rimasti nascosti.




ADVERTISEMENT



Ma la posta in gioco “non sono pochi soldi: nel giro di una legislatura si sta parlando di qualche decina di milioni di euro” e “i parlamentari sono gli unici a usufruire di questo trattamento di favore“. Per questo Boeri si augura che “l’impegno della nuova legislatura sia vero” e “un primo segnale sarebbe darci queste informazioni per poter fare calcoli trasparenti“. “Ho scritto una lettera all’ufficio di Presidenza della Camera, sin qui non ho avuto alcuna risposta al riguardo”, ha poi aggiunto.


Legge Fornero –  Il presidente dell’Inps ha parlato poi anche della legge Fornero, la cui abolizione era diventata un cavallo di battaglia della Lega durante la campagna elettorale. Boeri ha avvertito che mandare in soffitta la riforma del sistema previdenziale voluta dal governo Monti verrebbe a costare nell’immediato “almeno 11 miliardi“, ma questo costo potrebbe salire “anche a 15 miliardi”.  Poi peserebbe per “85 miliardi di euro in più di debito pensionistico per le future generazioni“. Ma anche la “quota 100“, soglia minima di età pensionabile data sommando l’età anagrafica all’anzianità contributiva, “sarebbe ancora più costosa, insostenibile”, ha commentato il presidente Inps.


Reddito di cittadinanza – Boeri ha risposto poi alla domanda di Lucia Annunziata sul reddito di cittadinanza: “Ha fatto presa al Sud, in persone che sono uscite dalla crisi in gravi difficoltà e disagio protratto nel tempo. Sarebbe un messaggio importanteperché le persone che hanno bisogno di aiuto si rivolgono sempre al politico locale, quello è assistenzialismo ed è un approccio sbagliato”. Ma ha avvertito anche sui costi: “Fino a 38 miliardi, se vogliamo essere più ottimisti 35 miliardi”, aggiungendo che si estenderebbe ad una platea che oltre i poveri assoluti. Boeri ha invece indicato il Rei, reddito di inclusione, come il punto da cui partire “per potenziare le risorse” e criticato la prospettiva di “introdurre strumenti nuovi“.

Aggiunti di recente