Piano pluriennale della pesca: nuove regole per difendere i nostri mari

Piano pluriennale della pesca: nuove regole per difendere i nostri mari

Rosa D'Amato EFDd/M5S

Questo piano pluriennale ha misure per la protezione delle specie di interesse biologico e commerciale, ma bilanciate con gli aspetti economici e sociali per la sopravvivenza delle migliaia di compagnie di pesca.

Il regolamento accoglie molti nostri emendamenti: abbiamo eliminato l'introduzione delle quote di pesca, il regime di gestione dello sforzo avrà una riduzione al massimo del 40 % su un periodo di cinque anni. Sull'uso delle reti a strascico ci saranno deroghe in base alla specificità delle nostre coste e delle nostre tecniche di pesca. Una regola uguale per tutti ci avrebbe fortemente svantaggiati. I nostri fondali sono diversi, e il nostro tipo di pesca si è sempre adattato alle caratteristiche geografiche, senza intaccare la biodiversità.

Fino ad ora l'Unione europea non aveva tenuto conto delle caratteristiche delle flotte in termini di navigazione e attrezzature tecniche. Oggi invece i mesi di chiusura saranno scelti dagli Stati in base alla regionalizzazione. Questo è il primo piano che, in deroga, permette di usare il FEAMP per finanziare i pescatori che optano per l'arresto definitivo. I negoziati sono stati lunghi, combattuti, non siamo pienamente soddisfatti, ma abbiamo migliorato tantissimo il testo e dato voce alle principali richieste della piccola pesca.

Seguici su:
Blog: http://www.efdd-m5seuropa.com
Facebook: https://www.facebook.com/5stelleeuropa
Youtube: http://www.youtube.com/user/5stelleeuropa
Twitter: https://twitter.com/5stelleEuropa
Instagram: http://instagram.com/5stelleeuropa
G+: https://plus.google.com/+5stelleeuropa

Produced by EFDD Group www.efdgroup.eu

Aggiunti di recente