La scienza conferma: la preghiera può portare alla guarigione

loading...
loading...
La scienza conferma: la preghiera può portare alla guarigione

Condivisioni 167

la preghiera guarisce dalle malattie la preghiera della guarigione


Alcuni studi confermano che il cervello è in grado di adattarsi al potere della preghiera e guidare l’organismo verso la guarigione.

Gli ospedali sono pieni di molte storie in cui molti pazienti hanno sofferto di complicate malattie, e che, dati inizialmente per spacciati, ne sono usciti miracolosamente vivi.
Per molte di queste storie molti credono che non ci sia una valida spiegazione, ma in realtà c’è, e a darla sono degli studi molto interessanti.


Il dott. Andrew Newberg, ricercatore dell’ospedale Thomas Jefferson in Pennsylvania, ha fatto uno studio che non ha condiviso con nessuno finché non ha dimostrato la sua teoria. Conferma che dopo aver passato un po ‘di tempo studiare cosa avviene nel cervello nel momento in cui ci si ammala, e ad esaminare la risonanza magnetica fatta a molti  pazienti devoti, che avevano passato la maggior parte del loro tempo a pregare durante la malattia, ha notato cambiamenti eccezionali nella loro condizione fisica.


I suoi studi confermano che il cervello è in grado di adattarsi al potere della preghiera, e che l’idea di sapere che esiste un Dio capace di operare il miracolo della guarigione esercita finalmente un’influenza positiva sul nostro corpo, e si traduce in un beneficio per la salute.
Il solo fatto di dire qualcosa, affermarlo e ripeterlo in modo sicuro, farà sì che quell’evento succeda quasi miracolosamente, purché la parola sia detta con grande fede.
Senza dubbio, per molti il potere della fede è miracoloso. Il fatto di chiedere qualcosa e la fiducia che questa richiesta si materializzerà nella nostra vita, è il primo passo per ottenere tutto ciò che vogliamo e di cui abbiamo bisogno. Questo è ciò che dice la Legge dell’Attrazione stessa e il noto detto “Chiedete e sarà dato”.


La preghiera di guarigione


Il dottor Newberg è un fervente cristiano e pone così tanto l’accento sulla sua idea del potere della preghiera, da incoraggiare tutti i malati che non credono in Dio o che non professano alcuna religione a rivolgersi all’idea che un essere più elevato è lì, da qualche parte, in attesa che sorga la fede nelle loro menti e nei loro cuori.


Pertanto consiglia, non solo ai malati ma a tutti, di recitare con fede, speranza e dal profondo del cuore ogni notte questa preghiera:


“Gesù mio, ti lodiamo e ti adoriamo,
ti amo con tutto il mio cuore
e apprezzo il tuo sacrificio per noi sulla croce.
Vengo a te sapendo che sei sempre al nostro fianco, vedi tutto quello che facciamo, sai tutto di noi e non ci abbandoni mai.


Tu che concedi la vita,
tu che sei il Buon Pastore e ti prendi cura del tuo gregge,
ti prego di scendere fino a noi e di concedere protezione e rifugio
per la persona cara che soffre per la sua malattia.
Mi appello al tuo Amore infinito, alla tua gentilezza e misericordia,
e chiedo la grazia per la salute di ……. (nome del malato).


Tu che hai detto:
“Io sono la Risurrezione e la Vita”,
hai preso per te le nostre sofferenze, hai
guarito i mali di coloro che ti si avvicinavano.
Vengo pieno di speranza, pieno di fiducia, per implorare il tuo Cuore Sacro e Divino.
Signore Gesù compassionevole, come il cieco di Gerico,
che seduto per la strada ti ha detto ad alta voce:
“Gesù, figlio di Davide, abbi pietà di me”, e Tu
hai risposto: “Recupera la tua vista, la tua fede ti ha salvato”,
ti chiedo con tutta la mia fede: Signore, restituisci la salute a (Nome del malato).


Dio onnipotente ed eterno,
salute eterna di coloro che credono in Te,
ascoltaci per il bene dei tuoi servitori malati,
per i quali imploriamo l’aiuto della tua Misericordia
affinché la loro salute possa essere ripristinata e possano darti un fervido ringraziamento nella tua Chiesa.
Per Cristo Nostro Signore.
Così sia (AMEN).”


image
Questo articolo non si sostituisce in alcun modo al rapporto tra paziente e medico, esso ha una funzione divulgativa e non intende rappresentare una guida per automedicazione, diagnosi o cura. I suggerimenti e i consigli generali mirano esclusivamente a favorire nuove e migliori abitudini alimentari. ed uno stile di vita salutare. Le patologie e alcuni stati fisiologici richiedono l’intervento diretto di un professionista, e la collaborazione del medico curante. E’ sempre opportuno il parere del medico prima di intraprendere cambiamenti sostanziali nelle abitudini quotidiane.




Condivisioni 167



TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

loading...


loading...


'); });

Aggiunti di recente