La pizza napoletana diventa Patrimonio dell'Unesco

loading...
loading...
La pizza napoletana è stata dichiarata dall'Unesco patrimonio intangibile dell'umanità. Il riconoscimento è stato chiesto con una petizione di due milioni di firme raccolte in tutto il mondo. L’iniziativa è stata lanciata da Coldiretti, Fondazione Univerde e altre associazioni più di 3 anni fa. Hanno aderito anche personaggio famosi e uomini politici di tutto il mondo. La Pizza nel 2009 è stata riconosciuta dall'Unione Europea come Specialità Tradizionale Garantita (STG). Perché? È una pietra miliare della cultura culinaria italiana e partenopea conosciuta in tutto in tutto il mondo. Entra a far parte della lista di patrimoni intangibili da preservare insieme alla Dieta Mediterranea e la birra Belga. La pizza ha origini precedenti all'impero romano ma furono i romani ad utilizzare i primi "dischi" di pane. Sull'origine del nome della pizza ci sono due correnti di pensiero. Secondo alcuni deriva dal latino per altri dal tedesco. La vera pizza è nata a Napoli nel 1800 che veniva consumato all'epoca prevalentemente dai soldati spagnoli. Le pizze cotte nei forni venivano vendute dagli ambulanti e, dato che il loro prezzo era molto basso venivano apprezzate soprattutto dalle classi più povere. Venivano apprezzate soprattutto dalle classi più povere, che riuscivano a riempire lo stomaco con poco. Anche gli aristocratici non disdegnavano la pizza e si dice che Re Ferdinando IV fece costruire un forno nel palazzo reale. Secondo tradizione la pizza margherita nacque come omaggio alla Regina Margherita, moglie di Re Umberto I

http://youmedia.fanpage.it/video/aa/WifNmOSwkxzsJAky

Aggiunti di recente