La NASA sta pianificando di deviare la traiettoria di un asteroide che potrebbe colpire la Terra

La NASA sta pianificando di deviare la traiettoria di un asteroide che potrebbe colpire la Terra

L’obiettivo è un doppio asteroide chiamato Didymos, la parola greca che significa gemello. Il corpo principale di Didymos è di circa 800 metri di diametro, con un satellite soprannominato Didymoon di circa 160 metri di diametro. DART ha lo scopo di colpire la superficie di Didymoon e creare uno spostamento rilevabile nella sua orbita. La NASA ha approvato la missioneiniziando la fase di progettazione e assemblaggio finale per il lancio nel giugno del 2021.

L’astronave peserà 500 chilogrammi  e, se tutto andrà bene, avrà un impatto su Didymoon a 6 chilometri al secondo. Questo creerà un cambiamento nella velocità del piccolo satellite di 0.4 millimetri al secondo. Una piccola frazione, vero, ma abbastanza grande da creare un cambiamento significativo. Il team stima che questo porterà a uno spostamento di 10 minuti dell’orbita del satellite

Loading...

DART era originariamente parte di un’ambiziosa collaborazione internazionale chiamata AIDA, l’ impatto degli asteroidi e la valutazione della deflessione . Il piano aveva originariamente due veicoli spaziali, AIM e DART, con il ruolo di AIM che era di studiare Dydimos, misurare l’impatto e analizzare le conseguenze della collisione. L’AIM è stato dismesso nel momento in cui l’Agenzia spaziale europea ha ritirato il sostegno a causa di uno scontro sui finanziamenti. Da allora la missione è stata cambiata e ora si chiama Hera.

image

Hera condurrà la maggior parte delle stesse osservazioni ma, dato che il programma attualmente in corso arriverà su Didymos dopo DART, sarà in grado di misurare gli effetti post-impatto, mentre le osservazioni precedenti e in corso saranno condotte da telescopi terrestri. Hera non viaggerà da sola. Sarà accompagnato da due CubeSat, nanosatelliti più piccoli di una scatola di cereali.

La commissione di valutazione della missione ha confermato la loro selezione finale. I due CubeSat sono chiamati Asteroid Prospection Explorer (o ‘APEX’), che studieranno la superficie degli asteroidi, e Juventas, che misurerà il campo gravitazionale, la struttura interna e atterreranno anche su Didymoon.

“L’idea di costruire CubeSats per lo spazio profondo è relativamente nuova, ma è stata recentemente convalidata dall’atterraggio InSight della NASA su Marte lo scorso novembre, quando una coppia di CubeSats di accompagnamento è riuscita a ritrasmettere i segnali radio del lander sulla Terra, oltre a inviare immagini del pianeta rosso, come ha dichiarato “Paolo Martino, ingegnere capo della navicella Hera, in una nota .

Sono in corso i piani per avere un CubeSat piggyback su DART e per condurre un’analisi immediata dell’impatto. Si chiama LICIA ed è attualmente in fase di sviluppo da parte dell’Agenzia Spaziale Italiana.

Tratto da www.iflscience.com

Fonte: www.blueplanetheart.it 

Aggiunti di recente