LA GAFFE DI ALESSIA MORANI (PD): IL TRICOLORE È NATO DALLA LOTTA ANTIFASCISTA…

LA GAFFE DI ALESSIA MORANI (PD): IL TRICOLORE È NATO DALLA LOTTA ANTIFASCISTA…



Tengono banco i fatti di Macerata. Nei talk show, nelle piazze e sui giornali. Il dibattito di domenica sera a Non è l’Arena di Massimo Giletti (su La7) è incentrato proprio sulla sparatoria di Macerata, i migranti, il tema sicurezza.


Ebbene nell’altalena di botta e risposta se ne esce Alessia Morani (Pd), deputata e laureata in Giurisprudenza, che chiede di non far vedere più la foto di Luca Traini con il tricolore sulle spalle. “E’ una vergogna quella foto di Traini col tricolore, il tricolore è nato con la lotta antifascista…”.


Ma va? E noi che si pensava tutti che il tricolore fosse figlio delle battaglie risorgimentali. Invece guarda un po’, la lotta antifascista ha prodotto anche la bandiera nazionale. La sciocchezza detta da Alessia Morani passa inosservata in studio (nessuno le fa notare l’errore) ma non sui social.



Dove il giornalista Marco Valle scrive: “Scusate l’autocitazione ma, riprendendo alcune mie righe dal catalogo della mostra sul Tricolore del 2011, organizzata dalla Provincia di Milano e da me curata: « Il tricolore italiano quale bandiera nazionale nasce a Reggio Emilia il 7 gennaio 1797, quando il Parlamento della Repubblica Cispadana, su proposta del deputato Giuseppe Compagnoni, decreta “che si renda universale lo Stendardo o Bandiera Cispadana di Tre Colori Verde, Bianco, e Rosso, e che questi tre Colori si usino anche nella Coccarda Cispadana, la quale debba portarsi da tutti”.


Tra l’altro, non risulta nella storia repubblicana postbellica questo attaccamento della sinistra antifascista al tricolore, riportato all’attenzione degli italiani e rivalutato dal presidente Carlo Azeglio Ciampi assieme all’Inno di Mameli.


Fonte: qui


Fact checking



Aggiunti di recente