L’asteroide che uccise i dinosauri potrebbe curare il cancro

L’asteroide che uccise i dinosauri potrebbe curare il cancro

Conosciamo tutti la storia dell’asteroide che si è schiantato sulla Terra circa 65 milioni di anni fa e che l’esplosione risultante ha ucciso la maggior parte dei dinosauri e di molte altre specie. Ma lo sapevate che questo asteroide potrebbe curare il cancro ?

L’impatto iniziale è stato un evento a livello di estinzione. Lo sappiamo perché gli scienziati hanno precedentemente trovato le prove di questo asteroide attraverso la Terra sotto forma di anelli nel terreno e rocce che contenevano elementi che provengono solo da asteroidi e comete. Poi è arrivata la conferma satellitare di un asteroide o di un impatto meteorico appena al largo della costa di Chixualub, in Messico .

Quello che gli scienziati hanno recentemente scoperto è che lo stesso asteroide che ha ucciso la vita tu milioni di anni fa contiene anche un elemento che può uccidere le cellule tumorali – in effetti, potrebbe curare il cancro . Beh, non esattamente, ma combinato con altri elementi e molecole che può.

Loading...

Il metallo in questione è chiamato iridio. È solo qui sulla terra perché è venuto dall’asteroide che ha ucciso i dinosauri. Ed è disponibile solo in quantità ridotte. Funziona combinando l’iridio con una proteina nel sangue chiamata albumina e quindi facendo esplodere la luce. Questo sembra consentire all’iridio di attaccarsi ai nuclei delle cellule tumorali e distruggerli.

cura il cancro, la cura del cancro, l'asteroide, la meteora, l'iridio,

Immagine di Warwick University tramite Science Daily / Pubblico Dominio

La luce in questione verrà fatta esplodere nelle cellule utilizzando fibre ottiche che, se applicate correttamente e in modo selettivo, dovrebbero lasciare in vita e bene le cellule sane circostanti. In altre parole, sarebbero completamente intatte e questo dovrebbe lasciare le cellule circostanti nel paziente in questione in uno stato molto più sano dopo che il trattamento è completo e le cellule tumorali distrutte.

I ricercatori dell’Università di Warwick responsabili dei risultati, operano con una tecnica chiamata terapia fotodinamica. Questa terapia si verifica quando certe molecole producono agenti ossidanti dopo essere state esposte alla luce. Secondo il professor Peter Sadler della Warwick University, l’iridio svolge molto bene questa ossidazione se esposto alla luce.

Ciò significa che se i ricercatori riescono a capire come farlo, sperano di poter trasformare questo metodo in trattamenti oncologici su larga scala.

Di questo potenziale trattamento, il professor Sadler ha detto :

“È sorprendente che questa grande proteina possa penetrare nelle cellule tumorali e fornire iridio che può uccidere in modo selettivo all’attivazione con luce visibile. Se questa tecnologia può essere tradotta in clinica, potrebbe essere efficace contro i tumori resistenti e ridurre gli effetti collaterali della chemioterapia “.

Tuttavia, l’iridio non si lega alle proteine ​​del sangue da solo. I ricercatori di Warwick hanno usato un rivestimento chimico per legare i due, facendo risplendere il composto combinato. Ciò ha permesso ai ricercatori di seguire il modo in cui l’iridio e l’albumina sono entrati nelle cellule da cancellare.

Le proteine rimangono inattive finché gli scienziati non le fanno saltare con la luce a fibre ottiche. Questo è quando il composto si è ossidato. In altre parole, il composto ha trasformato l’ossigeno delle cellule tumorali in un’arma letale. E’ essenziale che l’ossigeno uccide le cellule.

Secondo il rapporto, poiché è possibile applicare il potenziale trattamento a zone localizzate in “piccole dosi”, è potenzialmente in linea con le sperimentazioni cliniche.

Sia in dosi grandi o piccole, il potenziale per curare il cancro con questo trattamento lascia alcune domande.

Ad esempio, con così tante persone diagnosticate con diversi tipi di cancro, c’è abbastanza iridio da poter utilizzare? Questa è una domanda particolarmente importante per quelli con diagnosi di tumori resistenti o terminali. In altre parole, diagnosticati con cancri in cui la sopravvivenza non è probabile, o è assolutamente impossibile.

Questa è una domanda difficile a cui rispondere, dal momento che l’iridio è molto raro e si trova solo in alcune piccole miniere, così come nei crateri di asteroidi e meteoriti.

Attualmente, secondo il rapporto, l’uomo può solo estrarre circa tre tonnellate di iridio all’anno. Questa è una quantità molto piccola rispetto all’oro che estraiamo dalla terra che è di  3.000 tonnellate all’anno. Tutto questo iridio proviene da depositi naturali e non dai crateri di asteroidi. La normale applicazione per l’iridio è rappresentata dalle opere paleontologiche e dal suo impiego in applicazioni anti-corrosione, che funziona a temperature estremamente elevate.

cura per cancro, cura del cancro, cura del cancro, asteroide, meteora, luce ottica, fibre ottiche

Immagine di University of Warwick tramite IFLScience / Public Domain

In definitiva, se i ricercatori riescono a trovare un modo per rendere questo nuovo lavoro di ricerca su una scala più ampia, è possibile che potremo finalmente sradicare il cancro per sempre.

Ciò richiederebbe di passare attraverso più cicli di rigorosi test clinici e, infine, dopo quelli che sarebbero stati anni di ricerca e sperimentazione, l’ approvazione da parte della Food and Drug Administration (FDA) per la somministrazione a pazienti umani in ambito clinico. Dopo tutto questo lavoro, è possibile. Infine, potremmo avere una vera cura per il cancro. Speriamo solo che se succede, possiamo trovare abbastanza iridio per farla funzionare.

Visualizza l’interpretazione di Science Channel su come l’impatto di Chixualub è avvenuto qui:

[embedded content]

Fonte: www.ancient-code.com 

Se ti è piaciuto l’ articolo condividilo anche tu sui social e iscriviti alla nostra pagina Facebook “Pianetablunews

Aggiunti di recente