GRASSO, IL SUO PROGRAMMA LACRIME E SANGUE: PATRIMONIALE, IMU, REINTRODUZIONE DELL’ARTICOLO 18…

loading...
loading...
GRASSO, IL SUO PROGRAMMA LACRIME E SANGUE: PATRIMONIALE, IMU, REINTRODUZIONE DELL’ARTICOLO 18…



Patrimoniale, ritorno dell’articolo 18 e reintroduzione dell’Imu sulla prima casa. Questi, in estrema sintesi, alcuni dei punti del programma di Pietro Grasso,leader dei Liberi e Uguali (LeU). Una tempesta di tasse, insomma. Un mezzo suicidio politico.


Un programma che punta, come si legge in un articolo de La Stampa, “alla redistribuzione del reddito” e a un piano di investimenti pubblici da 10 miliardi l’anno, concentrati in primo luogo sulla messa in sicurezza del territorio e sulla riconversione ambientale dell’economia.


Al programma sta lavorando un gruppo di persone di cui fa parte Alfredo D’Attorre che spiega: “Nel nostro piano Irpef chi guadagna meno di 40mila euro sarà agevolato rispetto ad oggi, mentre la fascia di popolazione più ricca pagherà di più. L’esatto opposto della flat taxproposta dal centrodestra”.


E il ritorno dell’Imu? “Chi ha una sola casa di proprietà fino a circa 400mila euro di valore continuerà a non pagare l’Imu” aggiunge D’Attorre, “ci sarà invece un’aliquota aggiuntiva per chi somma case di maggior valore ad altri beni mobili. L’obiettivo è quello di recuperare il vecchio gettito Imu e andare oltre”.



C’è poi un grosso capitolo dedicato alla revisione del Jobs Act: per LeU deve tornare il reintegro per i licenziamenti senza giusta causa, il cosiddetto articolo 18, e anche la causale per i contratti a termine, abolita dal governo Renzi.


“Il contratto a tempo indeterminato deve tornare ad essere la norma, il contrario di quello che accade oggi”, spiega il coordinatore di Mdp Roberto Speranza. Come? “Cancellando per legge la giungla di forme contrattuali precarie e prevedendo chiare motivazioni per i contratti a termine”. Mano dura contro l’evasione fiscale, precisa l’articolo del quotidiano torinese, con una serie di soluzioni messe a punto da Vincenzo Visco.


“Se applicate porterebbero maggiori entrate sull’Iva di almeno due miliardi l’anno” spiegano da Mdp. Come utilizzare queste maggiori entrate? “Con un piano d’investimento da 10 miliardi l’anno, in grado di rimettere in moto Pil ed inflazione“.


Fonte: qui



Aggiunti di recente