Gardasil, miete più vittime dello stesso cancro

loading...
loading...
Gardasil, miete più vittime dello stesso cancro

Provoca più vittime il Cancro al collo dell’utero o lo stesso Gardasil?


Iniziamo l’articolo ricordando una vittima del Gardasil.


Se ve va Colton Berrett vaccinato a 13 anni, da subito danneggiato, viene ricordato da tutti noi con immenso affetto.


Siamo vicini alla famiglia, sperando che questa strage finisca al più presto .


Colton-Berrett-Prima-Dopo-HPV-vaccino


 


L’intervista di Colton del team Vaxxed, a fine articolo.


Traduzione di Vacciniinforma (fonte Sanevax)


Secondo una recente relazione del Dipartimento di controllo del cancro del Minnesota (MDH) , il cancro al collo dell’utero viene classificato al 14 ° posto come il tumore maligno più comune tra le donne del Minnesota. E’ la 17ª causa più comune di morte per cancro.


In Minnesota, secondo le informazioni statistiche fornite dalla stessa MDH (il tutto, pubblicato su http://www.health.state.mn.us/divs/hpcd/cdee/mcss/documents/ccc.pdf ), l’incidenza di cancro al collo dell’utero  tra le donne del Minnesotan è soltanto il 6.8 su 100.000 cittadini (6.8 casi  ogni 100.000 donne all’anno).


L’incidenza  maggiore legata all’età ed alla diagnosi di cancro è di 44 anni. Nel gruppo di età tra 40 e 44 anni, l’MDH afferma che ci sono 14 nuovi tumori cervicali diagnosticati ogni 100.000 all’anno.


All’età di 50 anni, secondo il CDC, oltre l’80% delle donne americane sarebbe stata infettata da papillomavirus umano (HPV) durante la loro vita. Eppure, sorprendentemente, oltre 99.000 su  100.000 donne non saranno mai diagnosticate con cancro al collo dell’utero ( i decessi per il medesimo sono di 1,5 casi ogni 100.000 donne all’anno).


La domanda che dovrebbe venire alla mente di tutti: “Perché vaccinare milioni di ragazze e ragazzi quando la possibilità del tutto teorica di contrarre il cancro è vicina allo zero?


Non si dovrebbe pensare accuratamente prima di cadere nel baratro di qualche disturbo autoimmune o la cronicizzazione di varie malattie?


Alcune statistiche alle quali si oppongono, riguardano un dato dell’ACS.

L’American Cancer Society stima negli Stati Uniti, che 12.000 donne americane verranno diagnosticate con  carcinoma cervicale invasivo ogni anno . Ricordiamo nel medsimo stato, ci sono 170.000.000 donne . Crediamo che questi dati, parlino da soli.


I dati parlano da soli, per noi è tutto molto chiaro.  Il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), che di solito è molto attento ad utilizzare il termine “associato” piuttosto che il  “causativo” quando si tratta di tumori cervicali associati a HPV, afferma che “Non tutti i tumori sono  associati a HPV” o “riflettono le attuali infezioni da HPV” e che “gli stessi dati sono solo stime”.


Sorprendentemente però da quando il programma di vaccinazione eccessiva dell’America iniziò negli anni ’90 (poco dopo che il presidente Ronald Reagan firmò la legge federale del 1986 che bandiva le cause legali contro i produttori di vaccini quando i bambini morivano o venivano resi disabili a causa dei vaccini), il 30% dei bambini americani vaccinati, ha acquisito una ,malattia cronica, un dato da considerare.


Causa ed effetto? La risposta è probabilmente sì, perché la ricerca di base sulle neuroscienze che mette in discussione la sicurezza e l’efficacia di molti vaccini è  affermativa. Ma tale ricerca non viene quasi mai pubblicata nelle famose riviste mediche che godono dei favori e del denaro dell’industria farmaceutica i cui membri del consiglio di amministrazione hanno palesemente dei forti conflitti di interesse.


Così Big Pharma riesce a tenere allo scuro di queste verità, persino gli stessi medici. Un esempio? Le esperienze del Dr. Andrew Wakefield, del Dr. Chris Shaw e della Dr.ssa Lucija Tomljenovic . Quando iniziarono a parlare dei risultati delle loro ricerche, ben recensite e sottoposte a peer review, le quali mettevano in discussione la presunta sicurezza o efficacia dei vaccini, furono (guardate un pò il caso) immediatamente RITIRATE.


PRASSI, la conosciamo molto bene. Dittatura, censura e MAFIA SANITARIA.


Ricordiamo la rapida approvazione – da parte della stessa FDA influenzata da Big Pharma- sia di Gardasil che Cervarix senza richiedere né a Merck né alla GlaxoSmithKline le prove della loro sicurezza , efficacia e protezione dal cancro al collo dell’utero. Ricordiamo che Vacciniinforma ha condotto un reportage sui relativi foglietti illustrativi (cercare Gardasil il vaccino tanto temuto).


Entrambe le società affermano che i destinatari dei vaccini devono continuare ad effettuare regolarmente Pap test per il resto della loro vit; questo non costituisce un certo segno di sfiducia nei loro prodotti immensamente redditizi?


 


RICORDANDO CON IMMENSO AFFETTO COLTON E LA SUA CORAGGIOSA TESTIMONIANZA.



 


 

Aggiunti di recente