Elezioni comunali 2019, i candidati sindaco di Civitavecchia: quando e come si vota

Elezioni comunali 2019, i candidati sindaco di Civitavecchia: quando e come si vota

Domenica 26 maggio 2019 si terrà, in contemporanea alle elezioni europee, una tornata di elezioni comunali. In provincia di Roma sono chiamati alle urne per eleggere un nuovo sindaco i cittadini di 32 Comuni. Uno di questi è Civitavecchia, con i cittadini che sono chiamati al voto per il rinnovo del Consiglio comunale e per eleggere un nuovo primo cittadino. Le urne saranno aperte dalle 7 alle 23. La popolazione di Civitavecchia supera i 15mila abitanti, oltrepassando le 50mila unità: per questo motivo il sistema di voto sarà quello applicabile per i Comuni che presentano oltre 15mila abitanti. Se al primo turno nessun candidato dovesse raggiungere la percentuale del 50%+1 delle preferenze sarà necessario ricorrere a un eventuale turno di ballottaggio, che si terrà due settimane dopo il primo voto (in questo caso il 9 giugno). Per Civitavecchia è previsto il voto disgiunto. I candidati alla poltrona di primo cittadino del Comune laziale sono sei, con il precedente sindaco Antonio Cozzolino che ha deciso di non ricandidarsi dopo l'ultima amministrazione. Il vicesindaco Daniela Lucernoni ha invece deciso di correre al suo posto ed è l'unica quota rosa in corsa tra i sei candidati.

Come e quando si vota a Civitavecchia

I cittadini di Civitavecchia saranno chiamati a votare il futuro primo cittadino domenica 26 maggio dalle 7 alle 23. Per votare sarà necessario recarsi nella propria circoscrizione muniti di tessera elettorale e di documento d'identità. Nel Comune di Civitavecchia valgono le regole elettorali valide per i Comuni che superano i 15mila abitanti. Diventa sindaco il candidato che supera il 50%+1 dei voti. Se nessuno dei candidati dovesse raggiungere questo risultato al primo turno si procederà all'eventuale turno di ballottaggio due settimane dopo il primo voto (in questo caso si terrà il 9 giugno). All'interno della scheda saranno scritti i nomi dei candidati con al fianco i simboli delle liste a essi collegate. Vicino ai simboli ci saranno delle righe bianche, nelle quali si potrà indicare le preferenze relative ai candidati di quella lista. Si possono esprimere massimo due preferenze per i consiglieri comunali; qualora si dovesse esprimere più di una preferenza è obbligatorio che i nomi indicati appartengono a un uomo e una donna. L’indicazione dei nomi dei consiglieri non è obbligatoria. È previsto il voto disgiunto.

Si può votare in quattro modi:
-Con un solo segno sul nome del candidato sindaco
-Con un solo segno su di una lista legata al candidato
-Con due segni, uno sul nome del candidato e l’altro su una lista a lei/lui collegata
-Con due segni, uno sul nome del candidato e l’altro su una lista non collegata (Voto disgiunto)

Cosa fare in caso di smarrimento o deterioramento della tessera elettorale

Non sarà possibile votare senza presentarsi al seggio muniti di tessera elettorale. In caso di deterioramento, smarrimento o furto della tessera elettorale il cittadino potrà richiederne un duplicato attraverso domanda all'ufficio Elettorale su modulo prestampato, disponibile presso l'ufficio stesso. Nel caso in cui la tessera fosse deteriorata, il cittadino riconsegnerà quella in suo possesso. Qualora fosse stata rubata o smarrita, il cittadino compila compila e sottoscrive presso l'Ufficio Elettorale una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, che sostituisce la denuncia ai Carabinieri o agli uffici della Polizia di Stato. Il rilascio del duplicato della tessera è immediato.

I sei candidati a sindaco di Civitavecchia

Sono sei i candidati sindaco che ambiscono alla poltrona di primo cittadino di Civitavecchia. In ordine rigorosamente alfabetico, il primo candidato è Germano Di Francesco, primo volto della sinistra estranea al Partito Democratico, sostenuto da Potere al Popolo e Città Futura. Segue l'ex vicesindaco Daniela Lucernoni (Movimento 5 Stelle), l'unica quota rosa tra i candidati e esponenti principe del Movimento 5 Stelle a Civitavecchia. Alla corsa per il posto da sindaco partecipa anche Dario Mele (Casapound Italia), candidato di CasaPound Italia è primo a livello temporale a essersi presentato a queste elezioni. Tra i possibili outsider di queste elezioni c'è Vittorio Petrelli, sostenuto da due liste civiche (Il Buon Governo, Liberi dagli sui civici con Petrelli). Chiudono il cerchio il candidato del Partito Democratico Carlo Tarantino (Articolo 14, Tarantino Sindaco, Onda Popolare, Partito Democratico, Lista Demos) e l'esponente del centrodestra unito Ernesto Tedesco (Forza Italia – Berlusconi, Lista Tedesco sindaco, Fratelli d'Italia – Tedesco sindaco, Lega Salvini Lazio, Polo Civico UDC), scelto dopo le rinunce di Enrico Zappacosta e Massimiliano Grasso.

Germano Di Francesco

Germano Di Francesco è uno dei sei candidati alla poltrona di primo cittadino di Civitavecchia. Ingegnere nucleare di 57 anni, al momento lavora in una società di informatica. È stato scelto per rappresentare una lista di estrema sinistra, "La Sinistra per Civitavecchia". All'interno di questa lista saranno presenti i candidati di Civitavecchia Popolare, Rifondazione Comunista e Partito Comunista.

Daniela Lucernoni

Daniela Lucernoni è la candidata del Movimento 5 Stelle come futuro sindaco di Civitavecchia. Ha già ricoperto il ruolo di vicesindaco nel corso dell'amministrazione Cozzolino ed è l'unica quota rosa che si trova a gareggiare per la gestione della futura amministrazione. La Lucernoni può contare sul sostegno dei grillini e delle persone che l'hanno votata nella precedente campagna elettorale.

Dario Mele

Dario Mele, 35enne di Napoli ma da sempre vissuto a Civitavecchia, è il candidato sindaco del Comune laziale scelto da CasaPound Italia. È fermamente convinto dell'importanza di un sindaco che sia ben radicato con il territorio e si presenta come una delle possibili sorprese di questa tornata elettorale. Mele è sostenuto dalla frangia più estrema della destra, in particolare dal responsabile Mauro Antonini.

Vittorio Petrelli

Vittorio Petrelli si presenta alle elezioni comunali di Civitavecchia come l'outsider del gruppo ed è sostenuto da due liste civiche, "Ripartiamo dai cittadini" e "Risolviamo gli usi civici". Nella campagna elettorale di Petrelli in programma c'è l'ampliamento del dialogo con i cittadini sul territorio, con Petrelli che si è messo in gioco in prima persona per porre rimedio alle problematiche del Comune laziale.

Carlo Tarantino

Carlo Tarantino è il principale candidato del Partito Democratico e sta focalizzando la propria campagna elettorale puntando ìsui valori della sinistra e dell’antifascismo, facendo proprie le battaglie del partito. È uno dei professionisti del centro diagnostico Buonarroti, che dalla medicina vuole ambire a concorrere e a vincere per la poltrona di primo cittadino a Palazzo del Pincio.

Ernesto Tedesco

Ernesto Tedesco è il primo candidato del centrodestra unito, scelto come sostituto dei ritirati Enrico Zappacosta e Massimiliano Grasso. È dato per favorito dai sondaggi cittadini e potrebbe essere lui a spuntarla il 26 maggio. Noto avvocato del Comune laziale, punta molto sulla politica del territorio e sulla gestione dell'immigrazione, mettendo al primo posto gli interessi dei cittadini di Civitavecchia.

Aggiunti di recente